REQUIEM RUSSO - FRAMMENTI

REQUIEM RUSSO - FRAMMENTI

Sabato 9 luglio, ore 20:45
GOETHE-INSTITUT | Auditorium
SILVIA LANZALONE
REQUIEM RUSSO - FRAMMENTI, musica elettronica su versi di Anna Achmatova

Ingresso con biglietto del concerto ENSEMBLE ASCOLTA 

REQUIEM RUSSO - FRAMMENTI, musica elettronica su versi di Anna Achmatova
per voce recitante ed elettronica (2017)

L’opera musicale scaturisce dalla lettura del testo più intenso di Anna Achmatova, poetessa russa di origini ucraine. Il poema Requiem, composto nel tragico periodo dell’ežovščina della seconda metà degli anni ’30 - periodo delle Grandi Purghe, o Grande Terrore -, conservato a memoria per circa venti anni e pubblicato per la prima volta negli anni ’60 grazie al samizdat - diffusione clandestina di scritti censurati o contrari al regime sovietico -, costituisce una vigorosa resistenza morale alla dittatura di Stalin. Le atroci sofferenze di una madre per la condanna a morte del figlio somigliano alle pene di Maria davanti alla Croce e rappresentano la lacerazione esistenziale di un intero popolo, conferendo una solenne sacralità a questo insolito Requiem.

ROSSELLA MATTIOLI voce recitante
EMANUELA MENTUCCIA ambientazioni visive
SILVIA LANZALONE musica elettronica, regia del suono

 

SILVIA LANZALONE
Compositrice e ricercatrice, autrice di opere acusmatiche, elettroacustiche, performative, audiovisuali, strumenti aumentati, sculture sonore, installazioni musicali interattive e adattive. Computer music specialist presso il CRM - Centro Ricerche Musicali di Roma dal 1997. Docente di Composizione Musicale Elettroacustica e Coordinatore del Dipartimento di Composizione, Direzione e Nuove Tecnologie del Conservatorio "O. Respighi" di Latina. Le sue opere sono state eseguite in festival internazionali e pubblicate dalle case editrici Taukay, Ars Publica e Suvini Zerboni.  

EMANUELA MENTUCCIA
Architetto e designer, è laureata cum laude all'Università La Sapienza di Roma - relatori Corrado Terzi e Michelangelo Lupone - con una tesi innovativa sull'architettura materiale e virtuale in cui luce, suono e materia ne sono i protagonisti. È da sempre alla ricerca di un “segno totale” che coniughi arte, architettura, cultura e tecnologia. Si occupa di allestimenti d'arte e della luce in ambito museale, in siti archeologici e monumentali di interesse straordinario e in sedi istituzionali e culturali. Lavora come progettista nel campo dell'architettura, della rigenerazione urbana e della valorizzazione dell'architettura del Novecento. Da anni affianca il CRM - Centro Ricerche Musicali di Roma. Collabora con compositori e artisti visivi.

ROSSELLA MATTIOLI
Pianista, attrice, didatta. Ha lavorato da protagonista con il Florian Teatro Stabile di Innovazione di Pescara per le regie di Walter Manfrè e Gianmarco Montesano. Ha partecipato a varie fiction televisive. Tra gli spettacoli musicali in cui è stata protagonista ricordiamo Ultimi canti per Ilio (1999-2006) e l’opera Il ritratto (Pescara 2003)
di Paolo Rosato; ConChopin, Marco Ciccone pianoforte (Italia e Polonia 2011-2013); l'Arlésienne di Georges Bizet, versione originale a cura di Ivan Fedele, Orchestra Sinfonica di Pescara (2011); Non voglio vederlo... voglio vederlo (Narciso sei la mia ossessione) di Marco Betta e Sandro Cappelletto (Roma, 2012); Dreaming of Chopin, Fabrizio Viti pianoforte (Austin 2016); Vita, morte e miracoli di Bonfiglio Liborio (Pescara FLA 2021).