ENSEMBLE ASCOLTA

© Dominik Mentzos © Dominik Mentzos

Sabato 9 luglio, ore 20:45
GOETHE-INSTITUT | Auditorium
Concerto dell’ENSEMBLE ASCOLTA

Biglietto intero € 10
Biglietto ridotto € 7 (< 26, >65, DSA)

NIKLAS SEIDL Five Gentlemen per tromba, violoncello, pianoforte, percussioni (prima assoluta), 10’
JONATHAN HARVEY Tombeau de Messiaen per piano ed elettronica, 10’
MILICA DJORDJEVIĆ Fail per violoncello ed elettronica (prima assoluta), 7’
OLGA NEUWIRTH Addio sognando per tromba ed elettronica, 9’ 
ELENA MENDOZA Fremdkörper/Variationen per chitarra elettrica/performer, percussioni, violoncello e pianoforte (prima assoluta), 18’

MARKUS SCHWIND tromba
ERIK BORGIR violoncello
FLORIAN HOELSCHER pianoforte
HUBERT STEINER chitarra elettrica
BORIS MÜLLER percussioni

L'Ensemble Ascolta di Stoccarda presenta un concerto che spazia dalla musica da camera originale di Niklas Seidl a brani da solisti con elettronica (Olga Neuwirth per la tromba, Jonathan Harvey per il piano e Milica Djordjević per il violoncello) fino al lavoro musicale-teatrale di Elena Mendoza che esplora i confini tra musica e performance.

Five Gentlemen
Il brano è una passeggiata musicale di 5 "gentiluomini" (un compositore e 4 musicisti), nata dalle suggestioni di una fotografia scattata a Daegu, Corea del Sud, ma che potrebbe nata dall'esperienza di un qualsiasi territorio sconosciuto. Nella "passeggiata" i gentiluomini provano a comportarsi nel modo più rispettoso possibile verso il territorio e le usanze straniere, ma vengono costantemente riportati alle loro abitudini, impossibilitati così a comprendere adeguatamente ciò che è loro estraneo. (Niklas Seidl)

Fail
Ever tried. Ever failed. No matter. Try Again. Fail again. Fail better. [Samuel Beckett]
Il brano tratta il tema del fallimento, della perseveranza e dell'ossessione... Come quando si vuole provare qualcosa ancora e ancora, ma ogni volta la cosa fallisce. Tuttavia bisogna provare sempre di più, anche se ogni tentativo è più difficile e ogni fallimento più misero e frustrante. Il brano è stato scritto durante il corso di composizione all'IRCAM nel 2009/2010. (Milica Djordjević)

Addio sognando
In Addio sognando la tromba solista "fluttua" su una struttura musicale riempita di suoni elettronici. Questo suono sembra pervadere le tracce elettroniche grazie all'uso di diverse tecniche esecutive, raggiungendo così un effetto affascinante di intreccio sonoro, nuovo e familiare allo stesso tempo. (Ute Büchter-Römer)

Foreign bodies / variations
Il brano è stato commissionato nel 2015 dalla Alte Oper Frankfurt ed è dedicato all'Ensemble Ascolta. Il brano esplora i confini tra evento musicale e azione teatrale, tra strumento musicale e oggetto quotidiano, non attraverso una transizione progressiva dall'uno all'altro ma tramite un radicale cambiamento di contesto. Il lavoro indaga il significato del termine "integrazione" da una prospettiva musicale e scenica: partendo da un nucleo di materiali sonori eterogenei, vengono sviluppate quattro variazioni musicali in cui oggetti d'uso quotidiano sono integrati come "corpi estranei" nella composizione e nell'esecuzione, fino a trasformare radicalmente i suoni originali. (Elena Mendoza)

 

ENSEMBLE ASCOLTA
Con il suo suono unico e una programmazione innovativa, l'Ensemble Ascolta espande gli orizzonti dell'ambiente musicale contemporaneo tedesco e europeo dalla sua formazione nel 2003. La creazione di nuovi format concertistici che integrano elementi teatrali, video, performativi, d'arte concettuale e musica rock ha concetrato prevalentemente l'energie dell'ensemble, portandolo a collaborare con giovani compositori e a creare significative opere cross-mediali. Finanziato regolamente dal Land del Baden-Württemberg e dalla città di Stuttgart, l'ensemble ha partecipato ai maggiori festival europei di musica contemporanea, ha collaborato con la tv tedesca ZDF/arte ed è stato invitato per concerti e workshop negli USA, a Singapore e in Israele.

NIKLAS SEIDLE
Fondatore dell'Ensemble Hand Werk e del duo Leise Dröhnung, suona con gli ensemble Mosaik, Chromoson e Aisthesis. Ha suonato con Klangforum Wien, Ensemble Ascolta, MusikFabrik e altre numerose orchestre e ensemble. Porta avanti progetti compositivi presso: Wien Modern, Lucerne Festival, Deutschlandfunk e altri. Ha vinto diversi premi e residenze internazionali e ricevuto numerosi riconoscimenti tedeschi e internazionali.

JONATHAN HARVEY
Allievo di Ervin Stein e Hanks Keller, nel 1969 compone il suo primo brano elettronico “Time Points”. Negli anni '70 compone diverse opere per coro e nei primi anni '80 inizia a lavorare all'IRCAM a Parigi dove esplora la sua passione per la musica elettronica, creando alcuni dei suoi migliori lavori. In seguito insegna alla Sussex University e poi alla Stanford University, dove compone il suo "Bird Concerto", basato sul canto di un uccello californiano. Dopo Stanford, ha viaggiato a lungo per promuovere la sua musica e spiegare le complesse filosofie implicate in essa. E' stato membro della "Academia Europaea" e ha ricevuto dottorati onorari nelle università di Southampton, Sussex, Bristol, Birmingham e Huddersfield. Ha pubblicato tre libri: "La musica di Stockhausen" del 1975 e "Musica e ispirazione" e "Alla ricerca dello spirito" del 1999.

MILICA DJORDJEVIĆ
Diplomata in Composizione alla facoltà di Musica di Belgrado, dove ha studiato anche Registrazione e Produzione sonora e musicale e Musica Elettronica, ha studiato poi Composizione al Conservatorio Nazionale della Regione di Strasburgo con Ivan Fedele (2007-2009). Ha continuato il perfezionamento a Parigi in Composizione e Computer Music presso il Cursus1 all'IRCAM, per poi finire il terzo ciclo di studi alla HfM Hanns Eisler a Berlino con Hanspeter Kyburz. Vive e lavora a Berlino. Ha vinto numerosi premi e borse di studio europei, ha presenziato diverse masterclass, corsi e festival e lavorato con differenti ensemble e performer. Il suo primo CD monografico è stato pubblicato nel 2017 da WERGO nell'edizione di Musica Contemporanea del Deutscher Musikrat e ha vinto il premio della critica musicale tedesca. 

OLGA NEUWIRTH
Ha studiato alla Vienna Academy of Music e al San Francisco Conservatory of Music. Allieva di Adriana Hölszky, Tristan Murail e Luigi Nono, ha guadagnato un riconoscimento internazionale nel 1991 quando due delle sue mini-opere, con testi del premio Nobel Elfriede Jelinek, sono state eseguite al Vienna Festwochen. Docente di Composizione all'Università di Musica e Arti Performative di Vienna. I suoi lavori esplorano un'ampia gamma di forme e generi, in una fusione di musica dal vivo, elettronica ed esperienze audio-visive. Tra i diversi premi, è stata la prima donna a rivecere il Grand Austrian State Prize nella categoria musica (2010). Ha composto numerosi lavori di musica da camera pubblicati per l'etichetta Kairos e ha collaborato con Elfriede Jelinek all'opera Bählamms Fest. E' membro della Bavarian Academy of Fine Arts, della Akademie der Künste (Berlin) e della Royal Swedish Academy of Music.

ELENA MENDOZA
Compositrice, vive a Berlino. Ha studiato Germanistica a Siviglia, Pianoforte e Composizione a Saragozza, Augsburg, Düsseldorf e Berlino. Ha ricevuto diverse borse di studio e riconoscimenti europeit tra cui: Premio Nacional de Música 2010, Akademie Schloß Solitude e Premio della Musica di Salisburgo. Ha collaborato con numerosi musicisti come: Ensemble Recherche, il Klangforum di Vienna e l’Ensemble Modern. Dal 2007 è docente presso l’Università delle Arti di Berlino e dal 2009 le sue partiture sono pubblicate dalla Edition Peters.