HORN&DUCT

© J.Jacob-Hoffmann © J.Jacob-Hoffmann

Da Sabato 9 a Domenica 17 luglio, ore 19:30
GOETHE-INSTITUT | Giardino Basso
Installazione sonora d’arte con condotti tubiformi
di LAURA BIANCHINI e MICHELANGELO LUPONE

Biglietto Installazioni sonore e Video musicali d'autore € 5

Quando al CRM fu affrontata la prima esperienza sul modello virtuale di un Flauto (1993) si era certamente lontani dal supporre che quell'insieme di numeri e codici di programmazione avrebbe trovato un’applicazione creativa in direzioni diverse da quelle per cui era nata, lo studio cioè, del comportamento fisico dello strumento "Flauto". Invece, qualche tempo dopo, ecco che quegli stessi numeri entrano nel mondo industriale e generano idee e prospettive per realizzare il nuovo suono delle automobili e nell'acustica ambientale per descrivere e simulare il suono di una stanza, di una parete. Non poteva mancare una progettazione “creativa”,  che ci ha permesso di realizzare installazioni sonore d’arte che diffondono il suono con le modalità caratteristiche che questi modelli offrono. Utilizzati per la prima volta nel ’95, proprio nel giardino del Goethe-Institut, a distanza di oltre 25 anni li presentiamo in un originale allestimento con controllo digitale, per diffondere musica acusmatica scelta, o appositamente concepita per questa installazione, da compositori internazionali.

LAURA BIANCHINI
Interessata all'uso di tecnologie nell’arte ha collaborato, nel 1983, alla realizzazione del Fly10, uno dei primi sistemi digitali italiani per la sintesi del suono in tempo reale, progettato da Michelangelo Lupone. Co-fondatore del CRM-Centro Ricerche Musicali, direttore generale di ArteScienza dal 2004. Scrive lavori strumentali, elettronici, teatro musicale e radiofonici. Dal 2004 il suo interesse è centrato su nuove forme d’espressione musicale, opere che integrano la forma alla musica, alle tecnologie e allo spazio. Nel 2019 realizza con Licia Galizia l’opera scultoreo-musicale adattiva permanente “Via dei Canti” nel borgo antico di Trevi nel Lazio, nel’ambito del progetto Arte sui Cammini promosso dalla Regione Lazio.

MICHELANGELO LUPONE
La sua attività è caratterizzata da un approccio interdisciplinare, artistico e scientifico. Ha realizzato opere ambientali, installazioni musicali permanenti adattive per: Sito Archeologico di Pompei, Galleria Nazionale d’Arte Moderna di Roma, Sorgenti dell’Alto Calore, Benevento, collaborando con artisti visivi, coreografi e scrittori tra cui: Galizia, Pistoletto, Uecker, Paladino, Moricone, Bonavita, Palandri, Cappelletto. Ha concepito tecnologie digitali innovative (Fly10 e Fly30) e strumenti musicali “aumentati” (Feed-Drum®, SkinAct, Wind-Back). Ha ricevuto riconoscimenti da: Accademia delle Scienze di Budapest, Japan Foundation, MIUR, Ministero della Cultura Francese; premi: Carloni (2012), Scanno (2016), Abbiati (2018), Pleiade (2019) e commissioni da istituzioni internazionali. Co-fondatore e direttore artistico del Centro Ricerche Musicali, è responsabile dello Studio Paolo Ketoff e docente dei Corsi di Musica Elettronica dell'Accademia Nazionale di Santa Cecilia.