ARTE E SPIRITUALITÀ

© S. McKinnon © S. McKinnon

Venerdì 17 settembre, ore 18:45
GOETHE-INSTITUT Rom | Auditorium
Colloquio - con artisti e personalità della cultura contemporanea
a cura di MARIA GIOVANNA MUSSO e ADRIAN BRAENDLY

Ingresso gratuito

partecipano
VINCENZO D’ADAMO rettore, Chiesa di Sant’Ignazio di Loyola
MICHELANGELO LUPONE compositore, direttore artistico del CRM–Centro Ricerche Musicali 
ADRIAN BRAENDLI responsabile dei programmi scientifici dell’Istituto Svizzero di Roma
MARIA GIOVANNA MUSSO curatrice, Sociologia del Mutamento, della Creatività e dell'Arte, Sapienza Università di Roma
con interventi di studiosi e artisti

In questa edizione di ArteScienza intendiamo approfondire in un Colloquio con studiosi e artisti il rapporto tra “movimento” e “stasi”, tra “realtà” e “virtualità” – tema che sembra attuale in un mondo segnato dal fenomeno dell’accelerazione sociale. Soprattutto negli ultimi tempi, abbiamo potuto avere una percezione precisa di questo fenomeno a causa dell’emergenza emersa con il Covid-19 che in brevissimo tempo ha modificato le abitudini della nostra vita quotidiana e i modi di relazione tra le persone. Questo elemento caratterizza e contraddistingue la moderna società occidentale fondata sul precario, l’incerto, il flessibile, l’instabile, l’effimero, il temporaneo, sull’essere incline al cambiamento e al movimento continuo.
In base a una necessità umana di tornare al reale – inteso come interdipendenza, come interconnessione reale e tangibile (Baumann) – in questo Colloquio si vogliono indagare i temi della spiritualità come livello più elevato di ogni linea evolutiva e dell’arte come motore per il progresso umano. L’arte, infatti, ha un ruolo determinante nei processi di decelerazione-riflessione, di coscienza del sé, di condivisione delle conoscenze: conduce a una sensibilizzazione verso ciò che è altro da sé e verso l’habitat originario che influenza i comportamenti e le necessità umane; può veicolare nuovi paradigmi speculativi e simboli che possono arricchire e stimolare il patrimonio intellettuale e spirituale.